Che cosa è il potenziamento neurologico? Come possiamo aumentare le nostre capacità cognitive? Ci sono dei limiti etici e sociali all’applicazione di sostanze e tecnologie avanzate? Saranno queste alcune delle domande al centro dell’incontro in programma martedì 31 maggio alle ore 10 presso l’Aula Magna Storica del Rettorato dell’Università di Siena, al quale parteciperanno gli studenti dell’ITT Sarrocchi e dell’Istituto Monna Agnese. L’iniziativa è promossa nell’ambito del progetto europeo NERRI, Neuro-Enhancement Responsible Research and Innovation, che coinvolge 18 partner in 11 paesi europei. I riferimenti in Italia sono due, la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste e Fondazione Toscana Life Sciences (TLS) di Siena. Obiettivo del progetto è proprio quello di contribuire all’introduzione di innovazione e ricerca responsabile nell’ambito del potenziamento cognitivo, stimolando il dialogo sociale. Senza limiti? Gli esperti a confronto. L’evento approfondirà il tema del potenziamento neurologico dal punto di vista scientifico, etico e sociale coinvolgendo esperti, docenti e medici. A coordinare l’iniziativa sarà Laura Canavacci, responsabile del coordinamento attività nell’ambito della sperimentazione clinica per la Regione Toscana ed esperta di bioetica. Andrea Paolini, direttore generale di TLS aprirà i lavori che entreranno nel vivo con l’intervento di Agnes Allansdottir, project leader del progetto NERRI….
Source: Toscana Life Sciences